Avvocato Roma Soverato Siracusa separazione divorzio

0967.620019
info@studiocorapiavvocati.it
+39 348.3546256
______________________________________________________________________
Vai ai contenuti

ULTIMI AGGIORNAMENTI

Questioni e pronunce giurisprudenziali

𝐈 𝐕𝐄𝐓𝐄𝐑𝐈𝐍𝐀𝐑𝐈 𝐒𝐎𝐍𝐎 𝐄𝐒𝐂𝐋𝐔𝐒𝐈 𝐃𝐀𝐋𝐋'𝐎𝐁𝐁𝐋𝐈𝐆𝐎 𝐕𝐀𝐂𝐂𝐈𝐍𝐀𝐋𝐄

Quello che sosteniamo da mesi, inizia a concretizzarsi.
Nei nostri ricorsi, abbiamo sempre sostenuto che un veterinario non può essere assoggettato all'obbligo vaccinale, in quanto svolge le sue funzioni al di fuori di strutture in regime di ricovero.
Ora, finalmente, quest'accorgimento sembra essere stato recepito e arriva direttamente dall'alto, da coloro che fino a ieri sostenevano a gran voce il contrario.
Con una nota del 17/06/2022 (prot. n. 46104), la Direzione Sanità, Welfare e Coesione  Sociale  della  Regione  Toscana,  ha  inviato, alle  direzioni  generali delle aziende sanitarie toscane, una comunicazione  avente ad oggetto: “𝐀𝐬𝐬𝐨𝐥𝐯𝐢𝐦𝐞𝐧𝐭𝐨 𝐨𝐛𝐛𝐥𝐢𝐠𝐨  𝐯𝐚𝐜𝐜𝐢𝐧𝐚𝐥𝐞  𝐃𝐋  𝟒𝟒/𝟐𝟎𝟐𝟏 𝐞 𝐬𝐬. 𝐦𝐦. 𝐞 𝐢𝐢. – 𝐂𝐡𝐢𝐚𝐫𝐢𝐦𝐞𝐧𝐭𝐢”.



DANNI DA VACCINO ANTI-COVID: ARRIVA L’INDENNIZZO

Nell’ultimo decreto “Sostegni ter” (D.L. 27 gennaio 2022 , n. 4) il Governo ha stanziato 150 milioni di euro per gli indennizzi in favore delle persone che dovessero subire dei danni dalla somministrazione del vaccino anti-Covid.
La legge n. 210/1992, all’art. 1, già prevedeva il riconoscimento di un indennizzo in favore di chiunque abbia riportato, a causa di vaccinazioni obbligatorie per legge o per ordinanza di una autorità sanitaria italiana, lesioni o infermità, dalle quali sia derivata una menomazione permanente della integrità psico-fisica.
Il nuovo decreto “Sostegni ter”,  inserisce alla suddetta legge un nuovo articolo secondo cui l’indennizzo spetta anche a coloro che abbiano riportato lesioni o infermità a causa della vaccinazione anti Sars-CoV2 raccomandata dall’autorità sanitaria italiana.



ILLEGITTIMITÀ DELL'ANATOCISMO NEL CONTRATTO DI CONTO CORRENTE

In tema di disciplina delle clausole anatocistiche, rispetto alle quali consolidata giurisprudenza di legittimità ne ha affermato la nullità, in quanto non fondate su di un uso normativo, ritenendole in contrasto con la norma cogente di cui all'art. 1283 c.c., è di rilevante interesse la recente pronuncia della Corte di Cassazione n. 4321/2022.
A tal proposito, si legge nelle ragioni della richiamata decisione che l'indicazione, nel contratto di conto corrente, “di un tasso annuo effettivo dell'interesse creditore corrispondente a quello nominale (e cioè di un tasso annuo dell'interesse capitalizzato coincidente con quello non capitalizzato) rende per un verso priva di contenuto la clausola anatocistica riferita agli interessi attivi - giacché sconfessa, nei fatti...



MALATTIE PROFESSIONALI: PROVA NESSO DI CAUSALITA'

In tema di malattie professionali, ai fini della prova del nesso di causalità, rileva la distinzione tra le malattie comprese nelle tabelle e quelle ivi non comprese.
Lo ha precisato la Corte di Cassazione con l'ordinanza n. 39751/2021, ribadendo il principio ormai consolidato secondo cui “l'inclusione nella tabella sia della lavorazione svolta che della malattia contratta (purché insorta entro il periodo massimo d'indennizzabilità eventualmente previsto) comporta l'applicazione della presunzione di eziologia professionale della patologia sofferta dall'assicurato”.



PRELIEVI SU CONTO CORRENTE NON AUTORIZZATI: RESPONSABILITA' DELLA BANCA

In caso di prelievi su conto conto corrente non autorizzati si configura la responsabilità della banca.
A chiarirlo è l'ordinanza n. 9721/2020 della Corte di Cassazione, secondo cui la banca deve pertanto fornire la prova della riconducibilità dell'operazione al cliente.
In altre parole, l'onere di dimostrare che l'operazione, posta in essere illecitamente dal terzo, è stata comunque effettuata correttamente e che non v'è stata anomalia che abbia consentito la fraudolenta operazione, grava esclusivamente sulla banca.



RESPONSABILITÀ DEL MEDICO DEL PRONTO SOCCORSO PER OMESSO APPROFONDIMENTO DELLE CONDIZIONI DEL PAZIENTE

La Corte di Cassazione, Sez. Penale, con la sentenza n. 45602/2021 ha affermato la responsabilità del medico del Pronto Soccorso per omesso approfondimento delle condizioni del paziente.
Preliminarmente, ha chiarito che per l'esistenza del nesso causale, in base al disposto degli artt. 40 e 41 cod. pen., occorrono due elementi: il primo, positivo, secondo il quale la condotta umana deve aver posto una condizione dell'evento; il secondo, negativo, per cui il risultato non deve essere conseguenza dell'intervento di fattori eccezionali.
Pertanto, per la soluzione del caso sottoposto al suo esame, ha statuito che “a fronte della possibilità di una diagnosi differenziale non ancora risolta, costituisce obbligo del medico al quale sia stato sottoposto il caso compiere gli approfondimenti diagnostici necessari per accertare quale sia l'effettiva patologia che affligge il paziente e adeguare le terapie in corso a queste plurime possibilità”.



RINUNCIA ALL'EREDITÀ: IL CHIAMATO DEVE REDIGERE L'INVENTARIO

In caso di rinuncia all'eredità, il chiamato in possesso dei beni del de cuius è tenuto a redigere l'inventario?
Sul punto, è intervenuta la Corte di Cassazione con l'ordinanza n. 36080/2021 che, cassando la sentenza impugnata, accoglieva il ricorso proposto dall'Agenzia delle Entrate nei confronti degli eredi di un contribuente deceduto.
In particolare, per la soluzione del caso i giudici di legittimità facevano riferimento all'art. 485 cod. civ., secondo  cui “il  chiamato all'eredità, quando a qualsiasi titolo è nel possesso di beni ereditari, deve fare l'inventario entro tre mesi dal giorno dell'apertura della successione o della notizia della devoluta eredità. Se entro questo termine lo ha cominciato ma non è stato in grado di completarlo, può ottenere dal tribunale del luogo in cui si è aperta la successione una proroga che, salvo gravi circostanze, non deve eccedere i tre mesi. Trascorso tale termine senza che l'inventario sia stato compiuto, il chiamato all'eredità è considerato erede puro e semplice”.



NULLITÀ DEL MUTUO PER IL MANCATO RISPETTO DEL LIMITE DI FINANZIABILITÀ

In ordine alla nullità del mutuo per il mancato rispetto del limite di cui all'art. 38 TUB, il Tribunale di Ancona con la sentenza n. 1232/2021 ha avuto modo di richiamare il principio ormai pacifico in giurisprudenza.
Nello specifico, le varie decisioni di legittimità hanno ripetutamente affermato che il rispetto del limite di finanziabilità è una norma imperativa di ordine pubblico, la cui violazione determina la nullità integrale del contratto in quanto norma posta a presidio di diritti indisponibili sottesi a superiori interessi pubblici, finalizzati a stimolare la mobilizzazione della proprietà immobiliare e ad agevolare le attività imprenditoriali.



MOBBING: GLI ELEMENTI IDENTIFICATIVI

Quando si parla di “mobbing” occorre verificare la sussistenza di determinati elementi identificativi, sui quali – ancora una volta - si è espressa la Corte di Cassazione.
Come chiarito dai giudici di legittimità con l'ordinanza n. 38123/2021 del 02/12/2021, infatti, ai fini della configurabilità del mobbing devono ricorrere le seguenti condizioni:
-) una serie di comportamenti di carattere persecutori (illeciti, o anche leciti se considerati singolarmente) che, con intento vessatorio, siano posti in essere contro la vittima in modo miratamente sistematico e prolungato nel tempo, direttamente da parte del datore di lavoro o di un suo preposto o anche da parte di altri dipendenti, sottoposti al potere direttivo dei primi;



.

Principali
SETTORI DI ATTIVITA'


STUDIO CORAPI AVVOCATI presta attività di assistenza e consulenza legale in vari ambiti del diritto civile.
I professionisti del nostro studio, infatti, sono a disposizione per fornire ogni singolo chiarimento o, in casi che richiedono una maggiore attenzione, un primo inquadramento della questione al fine di consentire una preliminare gestione della vicenda.


.

RECUPERO DEL CREDITO
.

.




RICHIEDI
LA TUA CONSULENZA LEGALE ONLINE

Per un primo inquadramento gratuito della Tua questione, compila il presente modulo esponendo la Tua problematica.
Un Avvocato è a Tua disposizione per forniti in breve termine un'assistenza preliminare sulla vicenda sottoposta.

Tale assistenza ha lo scopo di fornire un primo inquadramento della questione, pertanto non rappresenta una consulenza esaustiva per la quale si invita a consultare la sezione "Consulenza Legale".







Autorizzo l'utilizzo dei miei dati di contatto al solo fine di ricevere le informazioni richieste.
STUDIO CORAPI AVVOCATI
e-mail: info@studiocorapiavvocati.it
Tel./Fax: 0967.620019 - mobile: +39 348.3546256
Via Casilina n. 394 - 00176 - ROMA  /  Via Zara n. 1 - 88068 - Soverato (CZ)
P.I.: 10334211009
Torna ai contenuti